Il Patto dei Sindaci è una sfida per la cui attuazione è indispensabile la collaborazione di tutti i Cittadini. Contribuisci attivamente alla definizione della Visione futura della città, della Strategia Generale e delle Azioni è possibile:

Partecipa al questionario on line (CLICCA QUI)

IL PATTO DEI SINDACI

Il dibattito sul cambiamento climatico, pur con posizioni non univoche in seno alla comunità scientifica, costituisce oggi un tema di grande attualità non solo per i governi nazionali, ma anche a livello locale. È infatti maturata la consapevolezza che gli interventi per migliorare l’efficienza energetica delle città giocano un ruolo strategico nelle politiche di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici globali. In questo contesto, il Patto dei Sindaci è uno dei più importanti strumenti messi in campo: sottoscrivendo il Patto, i sindaci delle amministrazioni locali diventano protagonisti nel processo europeo teso al risparmio energetico, all’incremento della produzione da fonti energetiche rinnovabili e alla riduzione dei cosiddetti gas serra, quali l'anidride carbonica (CO2), le cui emissioni dovranno essere ridotte almeno del 20 per cento entro il 2020. Il processo di elaborazione e di attuazione del Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile si articola fondamentalmente in 3 fasi:

1. elaborazione dell'inventario delle emissioni di CO2 (BEI - Baseline Emission Inventory), suddivise per settore (comunale, residenziale, terziario, illuminazione pubblica e trasporti) all'anno 2011.

2. identificazione della strategia, delle priorità di intervento, degli obiettivi di settore e delle relative azioni per la riduzione delle emissioni.

3. attuazione del Piano e di un sistema di monitoraggio periodico delle azioni. Il monitoraggio permetterà di verificare la conformità dei risultati ottenuti con gli obiettivi previsti al fine di adattare e migliorare il Piano d'Azione in itinere.
La Vision rappresenta il futuro che ci si immagina per la città al 2020 ed è necessaria per la definizione della Strategia Generale, utile per la definizione degli obiettivi e delle azioni.

La Vision deve:

• essere compatibile con gli impegni stabiliti dal Patto dei Sindaci e prevedere, quindi, il raggiungimento dell’obiettivo di riduzione delle emissioni di CO2 di almeno il 20% entro il 2020;

• essere realistica;

• apportare qualcosa di nuovo, aggiungendo valore concreto e superando limiti datati;

• descrivere il futuro auspicato per la città.

Le Azioni da intraprendere vengono definite sulla base di:

• caratteristiche e peculiarità del territorio;

• risultati dell'inventario delle emissioni;

• priorità di intervento individuate dall’Amministrazione grazie al diretto coinvolgimento di cittadini e stakeholders (web forum);

• esito dei vari processi di partecipazione e coinvolgimento (Forum, Focus group, Tavoli tecnici, Laboratori di idee) attuati sul territorio comunale per l’elaborazione di altri strumenti di programmazione che hanno affrontato i temi della sostenibilità e dell’efficienza energetica (Piano Strategico Comunale, Piano Strategico Intercomunale).

L’attività di coinvolgimento dei cittadini e degli ulteriori portatori di interessi (stakeholders) non termina con la redazione e l'approvazione del Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile, ma verrà fortemente promossa durante tutto il percorso di attuazione del Piano.

Il PAES non è statico e immutabile ma, al contrario, è da intendersi come uno strumento flessibile e aggiornabile in relazione alle necessità e alle opportunità che possono presentarsi.

A conferma di ciò il Patto dei Sindaci prevede una costante attività di monitoraggio e di aggiornamento del Piano, da esplicare attraverso l’elaborazione periodica della Relazione di Attuazione e di un Inventario di Monitoraggio delle Emissioni, il “MEI” (Monitoring Emission Inventory).

Approfondimenti sull'iniziativa Patto dei Sindaci

http://www.pattodeisindaci.eu/index_it.html